“Moonlight” di Barry Jenkins – “Proiettato” Ven. 1 Dic

Condividi...
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Moonlight è un film del 2016 scritto e diretto da Barry Jenkins, basato sull’opera teatrale In Moonlight Black Boys Look Blue di Tarell Alvin McCraney.

Il film si è aggiudicato numerosi riconoscimenti, tra cui il Golden Globe per il miglior film drammatico e tre premi Oscar, per il miglior attore non protagonista, per la migliore sceneggiatura non originale e per il miglior film: è il primo film a tematica LGBT ad ottenere questo riconoscimento, nonché il primo con un cast totalmente composto da afroamericani, e il secondo per l’incasso più basso (dietro The Hurt Locker che vinse nel 2010).[1][2][3] È considerato dalla critica cinematografica uno dei film migliori della storia.

INGRESSO GRATUITO

LA PROCIV-ARCI E L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI GAVOI
IN COLLABORAZIONE CON LA COMMISSIONE CULTURA
PRESENTANO
CINEtumbarinu Inverno 2017

ALTRI MONDI Visioni d’Arte per il Cambiamento

“Moonlight” di Barry Jenkins – Ven. 1 Dic  2017

FESTIVAL DEL CINEMA IN BARBAGIA 2017
GAVOI, dal 24 Novembre 2017  al 12 Gennaio 2018  ore 21.00 •  l’Auditorium dell’ex Istituto Superiore Carmelo Floris 

Trama

“I. Piccolo” – Chiron è un bambino afroamericano originario di Liberty City, chiamato da tutti “Piccolo”. La madre, Paula, invece di prendersi cura del figlio ama drogarsi e vivere nella lussuria. I due vivono insieme in un quartiere di Miami segnato da droga e violenza. Per sua fortuna Chiron, dopo l’ennesima fuga dal gruppo di bambini che lo deridono e lo spaventano, si rifugia in una baracca abbandonata e lì, per caso, incontra lo spacciatore Juan, un uomo che si prenderà cura di lui e che gli insegnerà quello che sa della vita. I due diverranno amici e così quel muro di timidezza e di paura di Chiron verso l’uomo verrà meno.

Juan cercherà di aiutare Chiron ad affrontare la sua difficile situazione familiare e la sua difficile quotidianità accogliendolo a casa sua, trattandolo come un figlio e supportandolo insieme alla sua fidanzata Teresa, che indagherà su Chiron con estrema pacatezza e con i modi di una “mamma”. Un giorno il giovane Chiron si presenta a casa di Juan perché turbato in seguito alle grida della madre. Per cercare di calmarlo Juan lo porta con sé al mare, insegnandogli perfino a nuotare. Da quel momento in poi Chiron amerà l’acqua perché lo considera luogo dove le preoccupazioni si dissolvono come le gocce si disperdono nel mare (l’acqua sarà un elemento fondamentale in tutto il film).