locandinasnowden

Venerdì 18 Agosto – Snowden di O. Stone -Proiettato

Venerdì 18 Agosto alle ore 21.30 Cortile Casa Maoddi / Caserma Betza. L’amministrazione Comunale di Gavoi e ProcivArci – In collaborazione con Commissione Cultura e Identità – Presentano:  CINEtumbarinu Estate 2017  ALTRI MONDI Visioni d’Arte per il Cambiamento

Snowden di Oliver Stone

Venerdì 18 Ago ore 21.30 Cortile Casa Maoddi / Caserma Betza – Snowden di O. Stone –  Ingresso gratuito

locandinasnowdenTrama: Nel 2013, barricato in una stanza d’hotel ad Hong Kong, il ventinovenne Edward Snowden, ex tecnico della CIA e consulente informatico della NSA, ha rivelato, dati sensibili alla mano, al quotidiano inglese The Guardian e alla documentarista Laura Poitras, l’esistenza di diversi programmi di sorveglianza di massa, programmi di intelligence secretati, che garantiscono al governo statunitense un livello di sorveglianza estremamente invasiva e contraria ad ogni diritto alla privacy sul proprio territorio e sul resto del mondo, fatta passare con l’alibi della sicurezza.
Il caso Snowden, con i suoi tratti di abusi e di paranoia, sembrava fatto apposta per finire in un film di Oliver Stone e per molti versi si trova effettivamente al posto giusto. Innanzitutto, la biografia è un genere che a Stone riesce bene, soprattutto perché, là dove ci sono una storia vera e una cronologia nota, può sbizzarrirsi nella fase che più lo intriga, e cioè il montaggio. Poi, nella parabola di Snowden c’era, bello e pronto, il discorso dell’addestramento militare volontario, che va di pari passo con la domanda sul patriottismo che fa da sfondo a tanti film del regista di JFK (chi è più fedele allo spirito americano: chi contesta o chi obbedisce?). Infine, il tema della corruzione, della politica ostaggio del denaro (e dunque dell’industria bellica), di un Paese in cui non si cerca la verità ma si tenta di nasconderla. Stone è ossessionato da questo tema, ma non è meno ossessionato Snowden stesso, che si arruola per tener fede al motto delle forze speciali “De oppresso liber”, che fa quel che fa perché ciò che ha visto è contrario ad ogni (suo) principio e vuole interrogare il mondo sull’argomento. Ideologia e azione, insomma, sono gli ingredienti di cui sono fatti tanto il caso Snowden che il cinema di Stone ed è questa coincidenza che tiene alto il film nonostante non tutti i momenti stiano allo stesso livello.

Condividi questo post ...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone